• ipomineralizzazione nei bambini

Ipomineralizzazione nei bambini: cos’è e come si cura

La ipomineralizzazione nei bambini (Molar Incisor Hypomineralization – MIH) è una patologia di origine sistemica, ancora poco conosciuta ma in forte espansione. Definita come uno sviluppo difettoso dello smalto dentale, colpisce sia i molari decidui che i primi molari permanenti, e talvolta anche gli incisivi permanenti.

La MIH si manifesta come un difetto qualitativo dello smalto dovuto a un’alterazione della sua calcificazione. Il risultato sono denti che appaiono come macchiati, caratterizzati da opacità dello smalto dentale che va dal bianco a un colore brunastro. 

I SINTOMI DELLA IPOMINERALIZZAZIONE NEI BAMBINI

Il manifestarsi della ipomineralizzazione nei bambini è spesso piuttosto evidente. La prima avvisaglia è il colore dei denti, che risultano opachi e presentano un colore giallastro o marrone, sintomo di una maggiore porosità dello smalto. Più il colore dei denti è scuro, minore sarà la durezza dello smalto. 

Se, in uno stadio lieve della patologia, il sintomo è riconoscibile solo nel mutamento del colore dello smalto, con l’aggravarsi dell’ipomineralizzazione nei bambini possono insorgere disturbi quali:

  • ipersensibilità agli stimoli termici;
  • dolore durante lo spazzolamento dei denti;
  • erosione della parte superficiale dello smalto;
  • lesione dello smalto e conseguente frattura.

 

LE CAUSE DELLA IPOMINERALIZZAZIONE DELLO SMALTO

Le cause della ipomineralizzazione nei bambini non sono ancora del tutto comprese. 

Tra le ipotesi, quella più avvalorata indica come responsabili alcune malattie contratte nei primi 3 anni di vita, periodo in cui i bambini sono nella fase di mineralizzazione dei denti.

Non essendo così facilmente individuabile la causa della ipomineralizzazione nei bambini, per una diagnosi corretta, è di fondamentale importanza affidarsi a dentisti specializzati in pedodonzia: in alcuni casi infatti l’ipomineralizzazione potrebbe essere confusa con fluorosi o altre patologie legate allo smalto dei denti. 

Per il contrasto alla malattia, molto importante è anche il ruolo dei genitori. Al manifestarsi di uno dei sintomi ascrivibili all’ipomineralizzazione nei bambini, è necessario portare il piccolo dal dentista. Un intervento immediato può evitare ai piccoli pazienti danni che possono diventare anche molto gravi. 

 

L’IMPORTANZA DI UNA DIAGNOSI PRECOCE

La MIH è una patologia sistemica e quindi impossibile da prevenire, ma una sua diagnosi precoce può incidere sulla buona riuscita della terapia. 

La mancata diagnosi tempestiva dell’ipomineralizzazione dei bambini porta inoltre lo smalto al post-eruptive break-down e cioè a una frattura che espone direttamente la dentina al pericolo di attacchi batterici, con conseguente formazione di carie o altre infezioni. 

 

MIH: LA TERAPIA

Il primo intervento necessario per la cura della ipomineralizzazione dei bambini riguarda il trattamento dell’ipersensibilità dei denti.

Questo sintomo rende infatti difficile l’intervento del dentista o anche solo l’adempimento delle normali manovre di igiene dentale da parte dei bambini. 

In caso di malattia in stadio avanzato, si procede con il recupero degli elementi dentali compromessi. Alcune terapie prevedono anche la remineralizzazione dei denti con specifici prodotti a base di fluoro.

By |2019-07-31T17:38:00+00:00mercoledì, 28 agosto 2019|ARTICOLO DEL MESE, BAMBINI, PREVENZONE, PROTESI, SALUTE|0 Commenti

Scrivi un commento