Il fumo di sigaretta è uno dei peggiori nemici del sorriso: non danneggia solo i denti, ma l’intero cavo orale.
Secondo le statistiche, nei fumatori il rischio di parodontite è 3 volte maggiore rispetto ai non fumatori e le probabilità di risposta positiva alla terapia parodontale scendono del 50%.

PERCHÈ FUMARE FA MALE AI DENTI?

La nicotina è un vasocostrittore, riduce cioè la quantità di sangue e di ossigeno a disposizione del parodonto, il tessuto che tiene ancorati i denti alle ossa mascellari. Il fumo quindi inficia le capacità rigenerative e immunitarie del parodonto.

Ma la nicotina non è l’unico elemento dannoso per i nostri denti: le sigarette contengono diversi agenti pericolosi per il cavo orale. Questi, insieme alle tossine e ai prodotti cancerogeni sviluppati con la combustione, provocano danni anche alla placca batterica. I fumatori presentano infatti una maggiore presenza di specie anaerobiche molto aggressive che vanno ad attaccare i parodonto.

Il fumo è inoltre causa di una più marcata formazione di tartaro sui denti, che aumenta in modo esponenziale la recessione delle gengive e produce macchie sui denti.

Non meno sgradevole è un altro effetto del fumo sul cavo orale: l’alitosi. I danni del fumo si ripercuotono poi anche sulla qualità del respiro che non può essere migliorata grazie a un’accurata igiene orale, ma richiede una regolare attività fisica.

I DANNI INDIRETTI DEL FUMO

Fin’ora abbiamo parlato dei principali danni diretti provocati dal fumo. Analizziamo ora quelli indiretti.

Leucoplachia. Si tratta di una malattia della mucosa della bocca provocata dal fumo di sigaretta. Questa patologia è caratterizzata dalla presenza di antiestetiche placche biancastre che possono alterare la percezione del sapore dei cibi e provocare dolore.
Maggiore insuccesso negli interventi di implantologia. Il fumo può essere di ostacolo anche all’applicazione di impianti dentali. Fumare riduce l’ossigeno nel sangue a livello del cavo orale, alterando o rallentando i processi di guarigione delle ferite.
Carcinoma orale. Questa è la patologia più grave che il fumo può provocare. Secondo le statistiche, l’80% dei pazienti con questa malattia sono fumatori.

I CONSIGLI DELLO STUDIO DENTISTICO ZANOTTI PER UN SORRISO SANO

Smettere di fumare è senza dubbio il primo consiglio che lo Studio Zanotti, il dentista di Castel Maggiore, dà a tutti i suoi pazienti.
Se eliminare il fumo appare come un traguardo irraggiungibile, è consigliabile quantomeno ridurre il numero di sigarette fumate ed eseguire una corretta e approfondita igiene orale quotidiana. Spazzolino, filo interdentale e colluttorio possono aiutare a contrastare infezioni e accumuli di placca e tartaro. Anche un’alimentazione bilanciata e controllata, ricca di frutta, verdure e fibre, aiuta a preservare la salute dei denti.

Altrettanto importante è recarsi dal proprio dentista per effettuare una pulizia dei denti. Un’igiene professionale permette di prevenire eventuali infezioni. Visite periodiche dal dentista sono inoltre determinanti per individuare tempestivamente eventuali patologie e intervenire prima che possano trasformarsi in un problema più serio.