Non è insolito che dei neo-genitori ci chiedano quando iniziare a lavare i denti del loro bambino. Il consiglio dello Studio dentistico Zanotti di Bologna è di iniziare a curare l’igiene orale del piccolo il prima possibile. La comparsa del primo dente da latte, intorno ai 5/6 mesi di vita, è un’ottima occasione per iniziare a lavare i denti del bambino.

Una corretta igiene orale fin dai primi mesi di vita è fondamentale per prevenire future carie e problemi alle gengive. Se insegniamo al nostro bambino a familiarizzare da subito con i dentini e con la loro pulizia, sarà inoltre più facile per lui prendere l’abitudine di lavarli con regolarità.

L’IGIENE ORALE DEI NEONATI

I primi denti da latte compaiono intorno al quinto o sesto mese di vita. Il consiglio dello Studio dentistico Zanotti è quello di iniziare a lavare i denti del bambino già a quest’età, utilizzando un pezzetto di garza inumidita.

Vi consigliamo di passare la garza inumidita anche sulle gengive del bebè. In questo modo non solo curerete l’igiene orale del piccolo, ma gli regalerete un po’ di sollievo in caso di fastidio dovuto all’eruzione dei denti. Per alleviare il bruciore gengivale o il dolore legato alla dentizione, esistono inoltre appositi massaggiagengive da riporre in freezer. Il freddo consente infatti di attenuare sia il dolore che il gonfiore gengivale, permettendo ai bambini di sentirsi subito meglio.

IL PRIMO INCONTRO CON LO SPAZZOLINO

Intorno all’anno di età, il piccolo può iniziare a familiarizzare con lo spazzolino. Per lavare i denti del bambino sarà necessario utilizzare uno strumento pensato per i più piccoli: lo spazzolino dovrà essere di dimensioni ridotte e avere setole morbide. Vi consigliamo di acquistare uno spazzolino per bimbi colorato, in questo modo attirerà l’attenzione al pari di un giocattolo. Se insegniamo al bambino a vivere l’igiene orale come un gioco, sarà più facile per lui abituarsi a una quotidiana pulizia dei denti.

È improbabile che il piccolo riesca a provvedere da solo alla sua igiene orale. Ciò nonostante, permettetegli di usare lo spazzolino da solo, così che possa prendere confidenza con questo strumento.

Fino ai 3 anni di età è inoltre sconsigliato utilizzare il dentifricio: il bambino, per curiosità o per gioco, finirebbe per ingerirlo.

Ovviamente i genitori avranno il compito di controllare che l’igiene orale sia effettuata in modo corretto e, quando necessario, dovranno intervenire con qualche spazzolata più decisa.

QUANDO IL BAMBINO DIVENTA “GRANDE”

Intorno ai 3 anni il bambino è abbastanza grande da riuscire a lavare i denti con maggiore cura, ciò non toglie che sarà necessario vigilare sulla sua igiene orale. Questa è anche l’età giusta per iniziare a utilizzare il dentifricio, anche se in minima quantità.

Lo Studio dentistico Zanotti di Castel Maggiore (Bologna) consiglia di lavare i denti del bambino con un dentifricio al fluoro: questo minerale aiuta a prevenire le infezioni dentali – prima fra tutte le carie, molto frequenti nei più piccoli – e a rimineralizzare lo smalto.

Ora che il bambino è abbastanza grande per capire e seguire i vostri consigli, potete insegnargli la giusta tecnica di spazzolamento dei denti, magari mostrandoglielo lavandovi i denti insieme a lui.

In occasione delle visite di controllo poi, i pedodontisti dello Studio dentistico Zanotti sapranno valutare se è il caso di continuare a permettere al piccolo di lavarsi i denti da solo o se invece è meglio intervenire per ottenere una pulizia più approfondita.

COME LAVARE I DENTI DEL BAMBINO

Vediamo ora quali sono i movimenti corretti per lavare i denti del bambino in maniera ottimale.

Vi ricordiamo di utilizzare spazzolini con setole morbide, così da evitare che il piccolo possa ferirsi le gengive. Occorre spazzolare ogni superficie verticale in senso rotatorio, disegnando dei piccoli cerchi. Le superfici orizzontali, e cioè le facce masticanti dei molari, vanno spazzolate muovendo lo spazzolino avanti e indietro.

Il bambino deve spalancare la bocca quando spazzola le superfici masticatorie e la faccia interna dei denti. Quando deve spazzolare le superfici che guardano verso l’esterno, è bene che tenga la bocca socchiusa.